Manutenzione sentieri, arrivano i rocciatori

/
2 minuti di lettura

Approvata una convenzione di collaborazione tra l’Amministrazione e il Nucleo specialistico alpinistico appartenente all’Unità sezionale di protezione civile dell’Associazione nazionale Alpini sezione Valsusa per interventi di manutenzione e monitoraggio ambientale sui sentieri 

È stata approvata la convenzione di collaborazione tra l’Amministrazione comunale e il Nucleo specialistico alpinistico appartenente all’Unità sezionale di protezione civile dell’Associazione nazionale Alpini sezione Valsusa per interventi di manutenzione e monitoraggio ambientale, in particolare per bonifiche sentieri e mulattiere atte a garantire una migliore fruizione turistica e la pulizia da vegetazione infestante di vestigia storiche, con accesso e posizionamento tramite funi.

«L’attività specialistica del gruppo rocciatori – afferma l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Remoto – sarà principalmente indirizzata alla pulizia e manutenzione delle murature del Castello nonché del monte Pezzulano, a supporto e completamento dell’attività di recupero dei sentieri e della manutenzione svolta dal gruppo degli Ecovolontari in quanto, attraverso le tecniche alpinistiche, gli alpini sono in grado di raggiungere e operare nelle zone più inaccessibili del sito».

A tal proposito sabato si è svolta, alla presenza del sindaco Andrea Archinà e dell’assessore Andrea Remoto, una mattinata formativa tenutasi dall’archeologa Eleonora Mina, a cui hanno partecipato il gruppo degli Ecovolontari, gli alpini e l’associazione archeologica A3 per illustrare le tecniche di approccio alla manutenzione delle murature storiche, in vista dell’attività vera e propria che sarà  svolta nelle prossime settimane.

«Da questa sinergia tra ecovolontari, archeologi e alpini – conclude il sindaco Andrea Archinà – ci attendiamo importanti risultati in termini di tutela e messa in sicurezza del sito, in previsione delle attività di valorizzazione che saranno affrontate, con il contributo del Politecnico di Torino, nel prossimo futuro».

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Caffè Alzheimer riparte a distanza

Prossimo articolo

A ricordare e riveder le stelle

Ultime notizie di Ambiente

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: