Spaesaggi e disinkanti

/
4 minuti di lettura

Arte: sabato 2 settembre alla chiesa di Santa Croce in piazza Conte Rosso sarà inaugurata la mostra di Beppe Gromi

Avigliana, 18 agosto 2023 – La mostra che si inaugura il 2 settembre alla chiesa di Santa Croce, organizzata da Arte per voi con il patrocinio del Comune di Avigliana, è un invito delicato e intenso a entrare nello spazio creativo e nello sguardo di Beppe Gromi che vive e indaga attimi e sussulti interiori, quasi movimenti tellurici in cui le emozioni vibrano e interagiscono con l’esterno.

Dopo l’inaugurazione, la mostra si potrà visitare giovedì e venerdì dalle 18 alle 19,30, sabato e domenica dalle 10 alle 12,30 e dalle 15 alle 19. La festa di chiusura sarà domenica 24 settembre dalle 16 alle 20.
Visitando queste città dall’architettura a tratti di carta di riso e fili di ferro, in una commistione tra umani e ambienti dai fragili equilibri, percorriamo svariate tappe di un percorso in fieri. L’occhio si perde nei particolari, tra coloratissime casette-alveari e marchingegni dall’aspetto gentile, un po’ congegni idraulici, un po’ giostre di luna park, un po’ umanoidi. E qui e là spuntano matitoni, a ricordare il gesto primario del disegno, che mette in relazione diretta mano, occhio e cervello e l’amore giovanile e mai spento dell’artista per Jacovitti.

Tutto rimanda a un necessario impatto minimo sul pianeta che già a metà dell’anno esaurisce le risorse rinnovabili che è in grado di rigenerare. Siamo invitati nel percorso espositivo a fermare l’attimo, a dilatarlo per esplorarne le potenzialità e valorizzarne, mettendoli in pratica, gli intenti migliori. E insieme a esercitare lo sguardo verso un ulteriore movimento, una visione di vita sostenibile per Tutti sul pianeta dalle infinite bellezze che ci ospita. Senza prenderci troppo sul serio come individualità e potenziando le connessioni fra di noi e con ogni forma di vita. Così fa l’inchiostro con la carta.

Cade una goccia, si apre una nuova macchia, inizia un nuovo viaggio…

Patrizia Nicola

Ancora un giro di boa
«Da alcuni decenni mi divincolo tra teatro e arti visive cercando di rispondere alla domanda: “sì, davvero interessante, ma che lavoro fai?”. Ora che l’età della pensione bussa alle porte, sicuramente la domanda è evaporata verso qualche altro “collega”e sono più che mai felice di presentare un anno di lavoro dedicato a disegni, inchiostri di diversa natura, alcuni adornati da muffe inenarrabili e olezzi senza precedenti… e poi matite e pennarelli, cannucce e pennini e micro punte da 00,3 mm. Le mie preferite. Anche le diverse carte adoperate sostengono la mia preferenza per le micro punte che le massaggiano con punti e segni. La passione per questa tecnica mi segue sin dall’infanzia e, a fasi alterne, ci gioco. Amo giocare anche con le incisioni su metallo riciclato (lamiere, pentole, coperchi, caffettiere) che hanno dato vita agli allestimenti “Storie graffiate” e “Kitchen blues” dedicati ai musicisti Jazz, Blues e Rock del mio Pantheon personale.
Uno dei sentieri di suoni, graffi e colori l’ho condiviso con il caro amico artista e “collega” Mauro Trucano.
L’allestimento che visiterete è su due livelli.
Il piano terra ospita ”Spaesaggi e disinkanti”, si tratta di disegni realizzati tra settembre 2022 e agosto 2023. Ho utilizzato inchiostri naturali e snaturati, in cerca di un po’ di leggerezza. Il fulcro di ogni (cosiddetta) ispirazione è l’osservazione del comportamento del tempo attraverso superfici come muri, intonaci consumati, macchie e colature di muffe in un prisma di effetti speciali irripetibili . L’elenco delle suggestioni potrebbe proseguire, ma si concentra in un punto: attingere da ciò che ci circonda, nutrirsi e trasformare.
Sono amabilmente perseguitato da questa “condizione” che caratterizza da sempre il mio lavoro.
Questa particolare attenzione, qualche anno fa, è sfociata in una serie di micro tavole dedicate all’evoluzione di una goccia scaturita dal casuale incontro tra pochi ml. di buon caffè e un avanzo ribelle di aceto balsamico. La sequenza apre l’allestimento, ma soprattutto è raccontata in un video realizzato da Pasquale Lauro (Plato) e autore della musica che l’accompagna. La ormai prosciugata “goccia che fa traboccare… ecc. ecc.” anche questa volta ha funzionato, traboccando. Così da questo primordiale impulso nasce la disincantata idea di Spaesaggio che, spero, possa perdersi nello sguardo del visitatore.
“Che bel mondo tranquillo, pieno di pace e senza più guerre.” Così mia madre con queste parole ha suggellato questa nuova serie di opere. (parole scritte di pugno sul retro della N. 8) e le ho prese, come balsamo, per restituirle agli occhi più attenti.
Le costruzioni che man mano occupano gli spazi si abbeverano a fonti e suggestioni lontane che vanno da Calder a Fellini, da Calvino a non saprei chi nominare tra i tanti e allora vado a capo.
Poetica dolce e un po’ bislacca quella che mi ha accompagnato in questo nuovo progetto ambivalente; infatti vista la possibilità offerta dallo spazio espositivo ho voluto collocare al piano sopraelevato, parte dell’allestimento “Uno, due, centomila nessuno” recentemente realizzato alla Torre del Ricetto di San Mauro (Almese) dedicato al tema degli esodi, delle fughe, della ricerca di un nuovo mondo dove poter pensare al futuro e ricominciare una nuova vita. Ci sono dei legami tra i due livelli di visita e sono sicuro che li incontrerete e completerete il viaggio. In conclusione ringraziare desidero: Fabio Russo per la cura e la preziosa collaborazione all’allestimento del piano superiore e non solo. Pasquale Lauro (Plato) per lo sviluppo video e musicale di “storia di una goccia” e Arianna Ferraudo (Ghelery) al canto. Gli amici di Arte per Voi per il sostegno. Il puntuale e prezioso Marco Comino di Print Service di Avigliana e tutte le persone non indicate ma che sono sempre presenti».

Beppe Gromi

SPAESAGGI e DISINKANTI
Inaugurazione

Sabato 2 settembre dalle 17,30, Piazza Conte Rosso, chiesa di Santa Croce.
Orario
Giovedì e venerdì dalle 18 alle 19,30 sabato e domenica dalle 10 alle 12,30 e dalle 15 alle 19. festa di chiusura domenica 24 settembre dalle 16 alle 20.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Come un fiume… di musica

Prossimo articolo

Scuolabus e piedibus per l’anno scolastico 2023-24

Ultime notizie di Cultura

Torna Alice Basso

La scrittrice di Avigliana presenta il suo ultimo romanzo “Una festa in nero” al Giardino delle

Serate in musica

Pro Loco Avigliana organizza due serate il 13 e 14 luglio al parco Alveare verde con

Black boy fly

In piazza Conte Rosso uno spettacolo con musica dal vivo e una storia incredibile di Marco