Fondi Ato: una risorsa per la Val di Susa

4 minuti di lettura

In 15 anni oltre 26 milioni di euro spesi per interventi sul territorio, ad Avigliana previsti 143mila euro per il 2021

È di oltre 1,5 milioni di euro lo stanziamento effettuato a febbraio dall’Unione Montana Valle Susa in favore dei Comuni per interventi a difesa del territorio. Una spesa importante, resa possibile dai fondi Ato, assegnati annualmente alle Unioni Montane dall’Autorità d’ambito torinese To3 e provenienti dal 5% della tariffazione dell’acqua potabile. Grazie a quest’ultima assegnazione, nel corso dell’anno saranno realizzati i lavori di manutenzione di competenza comunale, come pulizia di torrenti, rii e strade di montagna, sistemazione di piccole frane e disgaggi, opere di ingegneria naturalistica. Un importante stanziamento destinato alla difesa del territorio a cui ogni anno si aggiungono ulteriori 600mila euro, impiegati direttamente dall’Unione Montana per gestire i cantieri di taglio alberi lungo i torrenti e di manutenzione di attraversamenti e viabilità minore. Il tutto avvalendosi di aziende agricole e piccole imprese artigianali del territorio, nonché di Consorzi forestali, irrigui e montani.

Come spiega infatti il vicepresidente con delega ai Fondi Ato Andrea Archinà: «I fondi Ato rappresentano una risorsa fondamentale per il nostro territorio. Il beneficio che generano non si limita infatti all’intervento manutentivo realizzato nei singoli Comuni, intervento estremamente importante in un territorio come il nostro fortemente caratterizzato dal rischio idrogeologico. Rappresentano anche una preziosa opportunità di lavoro per le tante piccole imprese agricole e forestali e per i tanti professionisti che operano in Valle».

Dal 2006 a oggi questi fondi rappresentano ogni anno una risorsa per il territorio, favorendo inoltre la collaborazione tra i Comuni e l’Unione. E l’importanza della ricaduta economica è palesata dai dati: nel solo 2020 sono stati spesi quasi 2,1 milioni di euro su questo capitolo. Cifre ancora più rilevanti se si guarda al periodo complessivo: dal 2006, l’Unione Montana ha avuto un’entrata complessiva di 27 milioni e 540mila euro a fronte di una spesa di oltre 26 milioni di euro, con un ottimo rapporto tra somme incassate e rendicontate (pari al 95,10 %).

Ad Avigliana
Sono finanziati per l’anno 2021 i seguenti interventi:

  • Rio San Francesco € 2.250,00
  • dx Rio Mortera nei pressi delle case Periale € 1.800,00
  • canale ricettore Rio Fico e Mortera € 600,00
  • Rio Mortera tratto fraz, Casa Quadro € 1.950,00
  • attravers. Sede stradale presso Fraz. Bertassi € 2.000,00
  • Rio Fico zona Bertassi € 13.000,00
  • canale recattore Rii Fico e Crocetta € 7.100,00
  • Canale Naviglia € 19.800,00
  • Rio Grosso € 4.750,00
  • Rio Fico sopra fraz. Bertassi – monitor. briglia € 1.800,00
  • Rio Fico sopra fraz. Bertassi – monitor. Griglia € 1.550,00
  • pista per B.ta S. Luigi € 12.000,00
  • pista da B.ta Girba a via Giaveno € 18.000,00
  • pista da B.ta Girba a B.ta Sala € 21.256,91
  • Rio Freddo € 6.050,00
  • Bealera dei Bertassi € 4.600,00
  • pista da Drubiaglio alla Grangia di Almese € 16.500,00
  • strada del Conte € 8.368,09

La somma degli interventi richiesti ammonta a  143mila e 375 euro, IVA e spese tecniche comprese

(Fonte: ufficio stampa Unione Montana)

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Consiglio comunale, 29 marzo 2021

Prossimo articolo

Avigliana verso il consumo di suolo zero

Ultime notizie di Territorio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: