Cinema in verticale 2024

//
5 minuti di lettura

Dal 2 febbraio al 21 marzo 2024 sette appuntamenti con ingresso gratuito in quattro Comuni della Valle di Susa e in uno della Val Sangone con incontri, film e documentari su tematiche legate al cinema, agli sport e alla cultura di montagna, presentati e dibattuti con autori, protagonisti ed esperti 

Un film sull'alpinista Toni Gobbi il 2 febbraio ad Avigliana
Al via Cinema in Verticale 2024 con un film sulla vita dell’alpinista Toni Gobbi vista con gli occhi del nipote venerdì 2 febbraio 2024 alle 20,45 al Teatro Fassino, via IV novembre 19, Avigliana. Ingresso gratuito – www.valsusafilmfest.it. La nuova edizione della rassegna sul cinema, la cultura e gli sport di montagna comincia con un appuntamento dedicato ad Antonio “Toni” Gobbi, personaggio che ha lasciato il segno rivoluzionando la figura della guida alpina, trasformandola da mero accompagnatore a educatore e formatore di chi gli si affidava. La giornalista Linda Cottino e Oliviero Gobbi, nipote di Toni, dialogheranno con il pubblico e presenteranno “La traccia di Toni, da cittadino a guida alpina”, film del 2023 prodotto da Grivel Srl, di cui Oliviero è il Ceo, con regia di Antonio Bocola. Cinema in Verticale proseguirà sino al 21 marzo proponendo altri sei appuntamenti con incontri, film e documentari presentati e dibattuti con autori, protagonisti ed esperti, tutti a ingresso gratuito.

Avigliana, 19 gennaio 2024 – Cinema in Verticale è una rassegna sul cinema, la cultura e gli sport di montagna che propone eventi in anteprima del Valsusa Filmfest, storico festival cinematografico e culturale di comunità la cui 28esima edizione si svolgerà nei mesi di marzo e aprile in diversi Comuni della bassa e alta Valle di Susa. Tra il 2 febbraio e il 21 marzo 2024 la rassegna propone 7 appuntamenti a ingresso gratuito ad Avigliana, Bussoleno, Condove, San Giorio di Susa e Giaveno con incontri, film e documentari in compagnia di autori, protagonisti ed esperti.

La rassegna affronta tematiche relative all’alpinismo e altri sport legati alla verticalità, all’esplorazione, alla salvaguardia dell’Ambiente e delle specie animali, alla cultura e alla vita di piccole e grandi comunità montane.
In ogni appuntamento sono presenti ospiti-autori e protagonisti delle immagini presentate, alpinisti, guide alpine, scrittori, giornalisti, esperti ed appassionati – per dibattere ed attualizzare i temi. La rassegna è stata ideata come anteprima del Valsusa Filmfest nel 1999 con l’obiettivo di dedicare uno spazio di attenzione particolare alla montagna. Nel corso degli anni è diventato un appuntamento molto atteso che richiama un pubblico numeroso e svolge una rilevante funzione di aggregazione e divulgazione culturale.

Nel primo incontro, in programma venerdì 2 febbraio alle 20,45 al Teatro Fassino di Avigliana, Oliviero Gobbi e Linda Cottino presentano “La traccia di Toni, da cittadino a guida alpina”, film del 2023 con regia di Antonio Bocola e produzione di Grivel Srl, società leader nella produzione di attrezzatura alpinistica di cui Oliviero Gobbi è il Ceo. Un evento nel quale viene raccontata la vita dell’alpinista Toni Gobbi vista con gli occhi del nipote Oliviero.
La pellicola, ricca di immagini dell’epoca e interventi di protagonisti del tempo, racconta la storia di un personaggio che ha lasciato il segno rivoluzionando la figura della guida alpina, trasformandola da mero accompagnatore a educatore e formatore di chi gli si affidava. Ben più che il ritratto di una guida alpina o di un alpinista di valore, il film è un viaggio spazio-temporale nel mondo dell’immediato dopoguerra, con il successivo boom economico, fino al fatidico marzo 1970, quando accadde l’imperscrutabile: al Sassopiatto, una slavina si portò via il “maestro”, insieme ad altre tre persone. All’epoca la sua morte suscitò grande emozione e al funerale a Courmayeur accorsero alpinisti da tutta Europa. Eppure la sua memoria nel tempo si è come dissolta, svanita, fino a quando il nipote Oliviero ha deciso di produrre questo film.

Il 15 febbraio si proseguirà a Giaveno in collaborazione con la locale sezione del Cai e con ospiti Marzia Pellegrino e Sandro Gastinelli che presenteranno le clip più belle dei loro numerosi documentari. Il 22 febbraio ci si sposterà al cinema di Condove insieme a Roberto Mantovani, storico dell’alpinismo, e Marco Ribetti, vicedirettore del Museo Nazionale della Montagna, che presenteranno il film “Cannabis rock” di Franco Fornaris: la breve e intensissima epopea ‘beat’ di un gruppo di giovani arrampicatori che negli anni ‘70, trasferendo sulle rocce il clima irrequieto e creativo del ’68, rivoluzionarono il mondo alpinistico piemontese e italiano.

Il 29 febbraio nel Salone Polivalente di Bussoleno, in collaborazione con la locale sezione del Cai e direttamente dal Banff Film Festival 2023, Marzio Nardi presenterà due cortometraggi da lui ideati insieme ad Achille Mauri, che ne ha curato anche le regie: “Ruga. A Sign in the Valley” (Italia 2022 – 21’) e “Carie” (Italia 2019 – 26’).

Il 7 marzo si torna al cinema di Condove con Fredo Valla e il suo ultimo film “Ambin la roccia e la piuma”. Il regista condividerà con il pubblico le emozioni provate durante le riprese sul massiccio dell’Ambin, da lui stesso definito “un acrocoro, un deserto d’alta quota sul confine tra Italia e Francia, un incontro e scontro di lingue”.

Il 14 marzo l’appuntamento è al salone polivalente di San Giorio di Susa con Alberto Bolognesi e l’evento intitolato “Dalla Val Cenischia alla ricerca del fiocco perfetto”, nel quale la guida alpina valsusina racconta le sue imprese, dalle Alpi alle grandi montagne himalayane, con la proiezione di di filmati da lui autoprodotti.

Il 21 marzo si concluderà al cinema di Condove con l’alpinista ed ex atleta paraolimpico Andrea Lanfri che, in dialogo con Linda Cottino, presenterà “My 7 Summit”, il progetto di scalare le vette più alte di tutti continenti nonostante i suoi handicap fisici derivanti da una meningite fulminante con sepsi meningococcica che lo colpì otto anni fa portandogli via entrambe le gambe e sette dita delle mani.

L’associazione Valsusa Filmfest organizza Cinema in Verticale in collaborazione con l’associazione Gruppo 33 di Condove, con i Comuni coinvolti, con le sezioni CAI di Giaveno e Bussoleno e con il patrocinio della Unione Montana Valle Susa. La rassegna è un’anteprima del Valsusa filmfest la cui 28^ edizione si svolgerà nei mesi di marzo e aprile in diversi comuni della bassa e alta Valle di Susa.

Il programma
VENERDÌ 2 FEBBRAIO AD AVIGLIANA
Ore 20:45 – teatro Fassino, via IV novembre 19
Oliviero Gobbi e Linda Cottino presentano “La traccia di Toni, da cittadino a guida alpina”.
Regia di Antonio Bocola, una produzione GRIVEL Srl – Italia 2023 – 83’
Il film sulla vita dell’alpinista Toni Gobbi vista con gli occhi del nipote.

GIOVEDÌ 15 FEBBRAIO A GIAVENO
Ore 20:45 – sede CAI, piazza Colombatti 14
La sezione CAI Giaveno propone gli amici di vecchia data Marzia Pellegrino e Sandro Gastinelli che presentano “Amarcord”, un filmato che raccoglie le clip più belle dei loro documentari.

GIOVEDÌ 22 FEBBRAIO A CONDOVE
Ore 20:45 – cinema Comunale, piazza Martiri della Libertà 13
Roberto Mantovani, storico dell’alpinismo, e Marco Ribetti vicedirettore del Museo Nazionale della Montagna presentano “Cannabis rock”. Regia di Franco Fornaris.
La breve e intensissima epopea ‘beat’ di un gruppo di giovani arrampicatori che negli anni ‘70, trasferendo sulle rocce il clima irrequieto e creativo del ’68, rivoluzionarono il mondo alpinistico piemontese e italiano.

GIOVEDÌ 29 FEBBRAIO A BUSSOLENO
Ore 20:45 – salone Polivalente Comunale, via Walter Fontan 103
In collaborazione con la sezione CAI Bussoleno in occasione del centenario della sezione, direttamente dal Banff Film Festival 2023 Marzio Nardi presenta:
“RUGA. A Sign in the Valley” – regia di Achille Mauri (Italia 2022 – 21’). Mauro Barisone esplora le pareti della valle del Rugova, chiodando alcuni itinerari di arrampicata e coinvolgendo le comunità locali.
“CARIE” – regia di Achille Mauri (Italia 2019 – 26’). Con l’arrampicata si esplora un territorio ferito, quello delle Alpi Apuane distrutte dall’attività estrattiva.

GIOVEDÌ 7 MARZO A CONDOVE
Ore 20:45 – cinema Comunale, piazza Martiri della Libertà 13
Fredo Valla presenta il suo ultimo film “AMBIN la roccia e la piuma”.
Il regista condividerà con il pubblico le emozioni provate durante le riprese sul massiccio dell’Ambin, da lui stesso definito “un acrocoro, un deserto d’alta quota sul confine tra Italia e Francia, un incontro e scontro di lingue”.

GIOVEDÌ 14 MARZO A SAN GIORIO DI SUSA
Ore 20:45 – salone Polivalente Comunale, via Carlo Carli 148
Alberto Bolognesi presenta “Dalla Val Cenischia alla ricerca del fiocco perfetto”.
Una guida alpina valsusina, dalle grandi montagne himalayane alle Alpi di casa nostra.

GIOVEDÌ 21 MARZO A CONDOVE
Ore 20:45 – cinema Comunale, piazza Martiri della Libertà 13
Andrea Lanfri presenta il progetto “My 7 summits”. La scalata alle più alte cime di ogni continente. L’alpinista dialoga con la giornalista Linda Cottino.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Italgas porta Picarro ad Avigliana

Prossimo articolo

Succursale Galilei, approvato il progetto esecutivo

Ultime notizie di Ambiente

Lotta alle zanzare

Il larvicida in distribuzione gratuita per i residenti è disponibile presso la sede dell’Ente Parco o presso