Migranti: storie di acque, terre, confini

/
1 minuto di lettura

Mercoledì 3 ottobre 2018 alle ore 21 al teatro Eugenio Fassino si parla di migrazioni in ricordo del naufragio che 5 anni fa causò 368 vittime al largo di Lampedusa

Mercoledì 3 ottobre 2018 alle ore 21 al teatro Eugenio Fassino, una serata di storie di acqua, di terra e di confini per riflettere sul fatto che le migrazioni sono spesso il frutto dell’estrema disuguaglianza nella distribuzione delle risorse sul nostro pianeta, della produzione e della vendita di armi, della tragica gestione dei confini tra gli Stati.

La scelta della data del 3 ottobre, pur essendo casuale, è modo di fare memoria del naufragio dell’imbarcazione libica che 5 anni fa, a poche miglia da Lampedusa, provocò la morte di 368 persone e circa 20 dispersi presunti. I superstiti furono 155, di cui 41 minori (uno soltanto accompagnato dalla famiglia).

  • Black Fabula, progetto Teatro senza confini, Schegge di Africanitudine. Ideazione e regia di Beppe Gromi
  • Storie d’acqua. Perché il palcoscenico non sia mai soltanto terraferma. A cura del Laboratorio teatrale dell’iid Amaldi-Sraffa di Orbassano. Drammaturgia e regia di Francesca Rizzotti e Tiziana Ventura
  • Presentazione del progetto di micro accoglienza diffusa (Mad) del Comune di Avigliana
  • Intervento della Route di Jerusalem con la presentazione del progetto Traccia la tua strada.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Le famiglie al Centro

Prossimo articolo

Terna conclude i lavori ad Avigliana

Ultime notizie di Cultura

Cinema d’estate

Cinesisters organizzano quattro serate con spettacolo unico alle 21,15 presso il cinema Eugenio Fassino: biglietteria dalle