Bollettino Coronavirus del 7 novembre 2020

7 minuti di lettura

La situazione contagi ieri mattina era di 98 persone positive di cui 7 ricoverate in ospedale e 1 in Rsa. Sono 100 le persone in isolamento fiduciario oltre a 2 persone decedute. Le conseguenze del Dpcm

Avigliana, 7 novembre 2020 – Nell’ultimo video pubblicato sui canali istituzionali del Comune di Avigliana, il sindaco Andrea Archinà evidenzia come dagli ultimi bollettini pubblicati il numero dei contagi a partire da settembre sia progressivamente aumentato con una particolare accelerazione nelle ultime settimane. I contagi fanno registrare 98 persone positive di cui 7 ricoverate in ospedale e 1 in Rsa. Sono 100 le persone in isolamento fiduciario oltre a 2 persone decedute. «La situazione – spiega il sindaco – ha ormai raggiunto i picchi di criticità della scorsa primavera, quando la pressione sulle strutture ospedaliere del territorio era ormai tale da non consentire un sostenibile trattamento delle altre patologie.

Tutto ciò nonostante una seconda ondata fosse stata ampiamente prevista e da più parti le istituzioni del territorio avessero chiesto una programmazione anticipata e soprattutto condivisa dei servizi sanitari e assistenziali che ci consentisse di affrontare con più efficacia». Alla Casa della Salute di Avigliana si è infatti interrotta la diagnostica e anche l’erogazione delle attività di prelievo sarà al momento limitata alle categorie fragili e per bisogni non differibili. A far data da mercoledì scorso, è stato riattivato il reparto di continuità assistenziale Cavs del polo ex Sant’Agostino con pazienti Covid negativi. Inoltre, da mercoledì 4 novembre, l’accesso agli Hot spot scolastici e al punto tamponi ad accesso diretto di Rivoli e di Pinerolo avverrà attraverso prenotazione da parte dei medici di famiglia o del Sisp. Nei prossimi giorni, in attesa della piena entrata in funzione del nuovo sistema, l’accesso sarà ancora consentito anche agli utenti senza prenotazione, purché comunque inviati dal proprio medico di famiglia, dal pediatra o da un medico del Sisp, come da modalità previste finora.

Spostamenti
Le disposizioni dell’ultimo Dpcm prevedono che il Piemonte sia zona rossa. Gi spostamenti in entrata e in uscita dai territorio regionale, tra Comuni e province differenti e anche all’interno del territorio comunale, salvo se motivato da comprovate esigenze di lavoro, salute, necessità e urgenza, sono da giustificare con autocertificazione. A maggior ragione dalle ore 22 alle ore 5 del giorno successivo quando sarà in vigore il coprifuoco. Sono comunque permessi gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza dove è consentita. Ed è inoltre sempre ammesso il rientro al proprio domicilio, abitazione o residenza. È consentito svolgere attività motoria in prossimità della propria abitazione e nel rispetto della distanza di almeno un metro, con obbligo di indossare la mascherina.
Continuano a essere sospese le attività in piscine e palestre nonché gli sport di contatto. Anche per questo motivo nei giorni scorsi un’ordinanza del sindaco ha chiuso le piastre polivalenti sul territorio. L’attività sportiva è tuttavia consentita all’aperto in forma individuale e sempre all’interno del Comune. I parchi gioco al momento rimangono aperti. I mezzi del trasporto locale e ferroviario regionale possono essere riempiti per metà, fatta eccezione per i mezzi di trasporto scolastico.

Commercio
Sono chiusi i negozi di commercio al dettaglio e i servizi alla persona, a eccezione di alcune categorie. Chiusi bar, ristoranti, gelaterie, pasticcerie per i quali è prevista la consegna a domicilio e l’asporto fino alle 22 con il divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. «In questa fase – spiega l’assessora al Commercio Paola Babbini – registriamo una più strutturata organizzazione nel fornire servizio di delivery e consegna a domicilio da parte di molti commercianti, ma come Amministrazione ci stiamo nuovamente attrezzando per un servizio di spesa a domicilio per chi ne avesse necessità. A sostegno nel piccolo commercio abbiamo previsto una serie di iniziative all’interno del progetto più generale Scegli Avigliana e l’adesione al progetto Valsusa in vetrina a regia del’Unione Montana Valle di Susa che saranno promosse nei prossimi giorni presso commercianti e consumatori».
Il mercato settimanale del giovedì e quello del martedì pomeriggio continueranno a svolgersi regolarmente con i banchi di prodotti alimentari e con le consuete norme di contingentamento mai venute meno in questi mesi. Chiusi anche i centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi a eccezione delle farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno.

Scuola
Le attività scolastiche rimangono in presenza per le scuole dell’infanzia, la primaria e il primo anno della scuola secondaria. Per tutte le altre, compresi gli istituti superiori, la didattica si svolge esclusivamente a distanza. Nelle scuole aperte è obbligatoria la mascherina per gli alunni, tranne che per chi ha meno di 6 anni e per chi ha patologie o disabilità incompatibili con il suo utilizzo.

Biblioteca
Con rammarico la Biblioteca Primo Levi è stata chiusa fino al 3 dicembre, ma si sta organizzando la consegna a domicilio dei libri. Le attività del cinema e del teatro Fassino sono sospese insieme alle mostre del territorio.

Per tutti gli aggiornamenti sono attivi i canali istituzionali di informazione del Comune di Avigliana: il sito www.avigliananotizie.it, la pagina FB e il profilo Twitter, l’app Comuni-chiamo per ricevere notizie direttamente via smartphone.

1 Comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Aggiornamento: campagna vaccinazione antinfluenzale

Prossimo articolo

Lo sport resiste

Ultime notizie di Sanità

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: