Riscopri la Statio ad fines

//
1 minuto di lettura

Inaugurazione del nuovo percorso e visita all’area archeologica della Statio ad Fines di Avigliana sabato 13 aprile dalle 10,30 alle 12,30 in borgata Malano con A3

Avigliana, 10 aprile 2024 – La Statio ad fines, antico luogo di riscossione della Quadragesima galliarum (organizzazione doganale delle province alpine dell’antica Roma), insieme  alle ville romane di Almese e Caselette, raccoglie testimonianze archeologiche di estremo rilievo per la conoscenza dello sviluppo che la nostra Valle ebbe in epoca romana.

Sabato 13 aprile 2024 sarà possibile visitare l’area archeologica di Avigliana dalle 10,30 alle 12,30 in borgata Malano. Le visite guidate sono a cura dell’Associazione archeologia aviglianese, che insieme alla Soprintendenza Archeologia Belle Arti per la città metropolitana di Torino ha lavorato a un nuovo percorso che racconta in sette tappe la storia degli scavi e spiega che cosa sia la Statio ad fines. Sarà così inaugurato il percorso rinnovato con i pannelli realizzati grazie al sostegno del Comune e al lavoro di A3, congiuntamente con la Soprintendenza.

Alla cerimonia ufficiale sarà presente il sindaco di Avigliana Andrea Archinà e le autorità locali. Dopo i saluti istituzionali le visite guidate saranno condotte da un archeologo dell’associazione A3, su prenotazione (posti limitati). Lo stand informativo sempre a cura di A3 illustra lo stato delle ricerche e i progetti futuri di valorizzazione. Sarà offerto un piccolo aperitivo a tutti i partecipanti.

Per partecipare all’inaugurazione del percorso di visita dell’area archeologica di Ad fines è possibile prenotare scrivendo a archeologia.aviglianese@gmail.com.

Info
⏰ Quando: sabato 13 aprile, dalle 10,30 alle 12,30
🅿️ Dove: Ad fines – via Moncenisio 105, borgata Malano, Drubiaglio, Avigliana
Il parcheggio più vicino, se non si riesce a trovare in borgata, è quello della scuola Anna Frank in via Drubiaglio 1, da cui sarà possibile raggiungere il sito a piedi in 4 minuti.

Dalle Villae alla Statio
La Villa romana di Almese, in località Grange di Rivera
La Villa romana di Almese, in località Grange di Rivera

Il progetto pluriennale “Dalle Villae alla Statio” ha il fine di valorizzare progressivamente questo sito anche in relazione al più ampio patrimonio archeologico di epoca romana della Valle di Susa. Oltre alla Statio ad Fines di Avigliana, ad Almese, in località Grange di Rivera, si trova infatti una villa romana, la cui costruzione risale probabilmente al I secolo d. C. La villa romana di Caselette è invece collocata sulle pendici orientali del monte Musinè a 400 metri sul livello del mare, a Sud delle vecchie cave di magnesite, tra le cascine Malpensata e Farchetto.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Arte sul Lago Grande

Prossimo articolo

Succursale Galilei, iniziano i lavori

Ultime notizie di Cultura