Recuperiamo le eccedenze alimentari

2 minuti di lettura

Il progetto “Resto… mangia plus!” raccontato in un video in occasione della Giornata nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare

Avigliana, 31 gennaio 2022 – Mancano pochi giorni alla nona Giornata nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare istituita il 5 febbraio. Ad Avigliana sarà celebrata giovedì 3 febbraio proponendo, oltre alle consuete iniziative del progetto Resto… mangia!, la compilazione di un questionario sugli sprechi alimentari a chi andrà al mercato di piazza del Popolo. Per l’occasione è stato anche girato un video che racconta il progetto di recupero e distribuzione delle eccedenze alimentari Resto… mangia plus! dell’assessorato all’Ambiente, a cui hanno aderito diversi esercizi commerciali di corso Laghi e corso Torino. Il video è stato realizzato dal videomaker Marino Merlino e può essere visto sul canale Youtube del Comune di Avigliana:

Il progetto Resto… mangia plus!, attuato grazie ai finanziamenti ricevuti con il bando Prossimi della Fondazione Time2, consente di recuperare le eccedenze alimentari grazie a un risciò con pedalata assistita, lo Scoiattolo, che può essere usato anche per il trasporto merci. I volontari raccolgono con questo mezzo il cibo non somministrato dai vari esercizi commerciali che espongono il logo del progetto (presso i quali si può anche fare la spesa sospesa), lo portano al Centro giovani di piazza del Popolo (sede di tutti i progetti antispreco) e lo consegnano alle famiglie aviglianesi, individuate dal Conisa, che presentano un bisogno sociale, ma i cui componenti possiedono anche capacità che vengono messe a disposizione della comunità locale con questi progetti.

La Città di Avigliana ha vinto a ottobre il Premio nazionale Sprecozero grazie alla realizzazione di questi progetti antispreco, che speriamo possano essere d’esempio e fungere da volano anche per le buone pratiche individuali. «È tempo di cambiare abitudini rispetto al modo con cui consumiamo e produciamo rifiuti – dichiara l’assessora all’Ambiente Fiorenza Arisio – perché ne va della salute e del benessere di tutti, ma soprattutto delle generazioni future. Chiediamo a chi vuole impegnarsi su questi temi di provare semplicemente a: valutare l’acquisto del cibo necessario, sprecare meno, differenziare di più, muoversi maggiormente a piedi o in bici anche per fare gli acquisti, consumare cibo a chilometro zero, compostare in casa gli avanzi di cibo e, se vogliono aiutare le famiglie in difficoltà di Avigliana, acquistare o lasciare una spesa sospesa presso gli esercizi commerciali o i banchi del mercato che espongono i loghi di questi progetti».

La Giornata nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare ricorre dal 2014 quando, su iniziativa del fondatore, il professor Andrea Segrè, coordinatore del Piano nazionale di prevenzione dello spreco alimentare del Ministero dell’Ambiente, furono convocati gli Stati generali della filiera agroalimentare italiana. Dal 2014 ad oggi la Giornata è stata inserita nella Campagna spreco zero con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica italiana su una questione centrale del nostro tempo. Info e dettagli sul sito www.sprecozero.it.

Il questionario antispreco alimentare

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Teatro Fassino, al via la stagione 21/22

Prossimo articolo

Sabati favolosi per Carnevale

Ultime notizie di Ambiente

Balconi fioriti 2022

La Città di Avigliana promuove anche per il 2022 il Concorso “Balconi e angoli fioriti” per

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: