Programma Percorsi in tour

/
2 minuti di lettura

Fino a 8mila euro a fondo perduto per le spese di studio, dalle superiori all’università, grazie al programma Percorsi che moltiplica per quattro i risparmi di studenti e studentesse di IV e V superiore che scelgono di proseguire gli studi nell’istruzione terziaria, all’università o in un Its 

Torino, 25 ottobre 2022 – Giunge alla sua dodicesima edizione Percorsi, programma promosso dalla Fondazione Ufficio Pio della Compagnia di San Paolo con il supporto dell’Ufficio scolastico regionale per il Piemonte. Da dodici anni con Percorsi gli studenti e studentesse di Torino e della Città Metropolitana possono ottenere fino a 8mila euro a fondo perduto da usare per le spese connesse al loro percorso di studi e alle attività formative e culturali: dalle tasse scolastiche e universitarie all’acquisto di libri, dagli abbonamenti ai trasporti ai viaggi studio, ma anche per l’acquisto di un tablet o di un computer. Per aderire a Percorsi è necessario essere residenti a Torino o nella Città Metropolitana di Torino, frequentare la quarta o la quinta superiore (licei, istituti tecnici, istituti professionali, di scuole pubbliche e paritarie), avere meno di 30anni e avere un Isee inferiore o uguale a 15mila euro. La domanda di adesione a Percorsi deve essere compilata sul sito www.progettopercorsi.it entro il 20 novembre 2022. I posti disponibili sono 300. Lo scorso 20 ottobre il programma è stato presentato ad Avigliana presso l’Itcg Galilei.

Dal 2010 a oggi oltre 2700 studenti residenti nella Città metropolitana di Torino hanno beneficiato di Percorsi e attualmente sono 1100 gli studenti attivi nel progetto. Solo tra gennaio e ottobre 2022 Percorsi ha erogato a fondo perduto 781mila e 571 euro. Il 40% delle spese affrontate dagli studenti con il supporto di Percorsi hanno riguardato l’acquisto di pc e altri device. Seguono le tasse universitarie per il 27% e le spese per l’affitto (6%) richieste da quanti scelgono di studiare in altre città di Italia o d’Europa.

Una valutazione prodotta da un ente di ricerca indipendente mostra come gli studenti entrati in Percorsi nel 2014 e nel 2015 hanno mostrato una più alta probabilità di iscriversi all’università (+13%), di sostenere almeno due esami al primo anno (+25%) e di iscriversi al secondo anno (+20%). Nella sola città di Avigliana dal 2010 a oggi, Percorsi ha sostenuto 9 studenti attraverso 25mila e 804,19 euro di erogazioni a fondo perduto.

COME FUNZIONA
Le erogazioni a fondo perduto sono legate ai risparmi effettuati nel corso del programma, la cui durata massima è di sei anni. La cifra accantonata dalla famiglia ogni mese con regolarità (da 5 a 50 euro al mese, fino a duemila euro in totale) sarà quadruplicata dall’Ufficio Pio per le spese riguardanti le attività formative e culturali. Al termine del progetto la cifra risparmiata torna a piena disposizione della famiglia. Durante il programma, sono previsti appuntamenti di formazione e di consulenza dedicati agli studenti e alle loro famiglie, per utilizzare al meglio i fondi messi a disposizione.

LA CAMPAGNA
Percorsi ha lanciato sui canali Instagram e Facebook (@progettopercorsi) la campagna di informazione indirizzata agli studenti e alle loro famiglie. Percorsi, infatti, per molti studenti è un’opportunità che non sapevano di poter cogliere, che permette di fare #SpazioAlFuturo dando loro la possibilità di seguire le proprie aspirazioni di studio e professionali a prescindere dalla condizione economica.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Il sabato favoloso di Halloween

Prossimo articolo

Concerto di Santa Cecilia

Ultime notizie di Istruzione