Nessuno dimentichi

//
2 minuti di lettura

Le iniziative di Avigliana in occasione del Giorno della Memoria del 27 gennaio e del Giorno del Ricordo del 10 febbraio

Avigliana, 23 gennaio 2024 – Come ogni anno, in occasione del Giorno della Memoria del 27 gennaio e del Giorno del Ricordo del 10 febbraio il Comune di Avigliana concede il patrocinio a un calendario di eventi significativo. A cominciare dalla proiezione di martedì mattina (23 gennaio) al cinema Fassino: l’assessorato all’Istruzione propone infatti a tutte le classi terze della scuola secondaria di primo grado la visione gratuita del film “L’ultima volta che siamo stati bambini” di Claudio Bisio, tratto dal libro di Fabio Bartolomei.

Sabato 27 gennaio la sezione Anpi di Avigliana, in occasione del Giorno della Memoria, raccogliendo l’appello dell’Anpi nazionale, invita le cittadine e i cittadini a incontrarsi presso le Pietre d’Inciampo, segni tangibili della Memoria dove sono impressi i nomi delle vittime che saranno ricordate, onorandole e raccontandone la storia. Gli incontri sono previsti nei seguenti orari: alle 10,30 sarà ricordato Renzo Suriani in via San Pietro, 26, alle 11,15 Maurilio Borello in corso Dora, 45, mentre alle 11,45 Giuseppe Bruno in via Moncenisio, 53.
Mercoledì 31 gennaio alle 20,30 all’auditorium Daniele Bertotto avrà luogo la presentazione, organizzata da Anpi in collaborazione con la libreria La Casa dei Libri, del libro “E allora le Foibe?” in cui sarà presente l’autore, lo scrittore e storico Eric Gobetti.

Un incontro allo Spazio giovani presso il centro sociale Borgesa della Fabrica si svolge il pomeriggio di mercoledì 31 gennaio alle 17 con i ragazzi del Treno della memoria. Parteciperanno anche i membri del Consiglio comunale delle ragazze e dei ragazzi.
«Nel Giorno della Memoria – dichiara l’assessora all’Istruzione e vicesindaco Paola Babbini – ricordiamo anche quest’anno i sei milioni di donne, uomini e bambini ebrei uccisi durante la Shoah. Ma la data simbolica del 27 gennaio, in cui le truppe sovietiche dell’Armata Rossa liberarono i prigionieri del campo di concentramento polacco di Auschwitz, è importante per ricordare anche la Resistenza, i partigiani uccisi e le vittime del nazifascismo. A distanza di 79 anni da quel massacro è nostro dovere combattere tutte le forme di discriminazione e odio basate su razza, origine etnica, religione, genere, orientamento sessuale, età o disabilità».

L’Anpi ha inoltre organizzato domenica scorsa 21 gennaio alla lapide di fronte alla stazione una commemorazione per i partigiani Carlo Carli – che aveva costituito in Valle di Susa una delle prime formazioni partigiane, diventando comandante di un nucleo e che fu ucciso il 21 gennaio del 1944 dai fascisti – e per il fratello Bruno Carli, scomparso nel 2022. Si tratta della prima di una serie di celebrazioni che si svolgeranno nel 2024, 80esimo anniversario della Resistenza. L’Anpi di Avigliana dà infatti ogni anno particolare risalto a questa ricorrenza che si è svolta alla presenza del sindaco di Avigliana Andrea Archinà e di Marcella Carli (moglie di Bruno) di 94 anni. «La Memoria – ricorda Daniela Molinero, presidente Anpi Avigliana – è fondamento dell’esistenza stessa dell’Anpi che rimane fedele al “Giuramento di Mauthausen” incardinato sui valori di pace, libertà e giustizia sociale. Il nostro impegno è quindi preservarla al di là di ogni revisionismo e strumentalizzazione, contro chi cerca di cancellare il passato. Questi tempi difficili, ci portano a rinnovare il nostro impegno perché la memoria storica ci aiuti a interpretare il presente e a contrastare oggi più che mai fascismo, razzismo, nazionalismi, guerra».

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Accesso alla guardia medica

Prossimo articolo

Quattro sabati favolosi

Ultime notizie di Cultura

Cinema d’estate

Cinesisters organizzano quattro serate con spettacolo unico alle 21,15 presso il cinema Eugenio Fassino: biglietteria dalle