Lo scrittore Davide Longo ad Avigliana

1 minuto di lettura

Il 18 aprile alle 18 all’auditorium Bertotto per il Valsusa Liberfest sarà presentato “Requiem di provincia”, il suo ultimo romanzo 

Avigliana, 30 marzo 2024 – “Requiem di provincia” è l’ultimo romanzo di Davide Longo pubblicato da Einaudi Stile Libero. Lo presenterà Tiziana Angilletta giovedì 18 aprile alle 18 all’auditorium Daniele Bertotto, nell’ambito degli incontri letterari del Valsusa Liberfest, con il patrocinio del Comune di Avigliana e dell’Unione Montana Valle Susa, in collaborazione con la libreria La casa dei libri e Sistema bibliotecario Valsusa. Nel corso dell’incontro sarà Antonietta Perretta a leggere alcuni brani tratti dal romanzo, che è un prequel delle vicende già narrate da Longo: Il caso Bramard, Cosí giocano le bestie giovani, Una rabbia semplice, La vita paga il sabato. I protagonisti Vincenzo Arcadipane e Corso Bramard tornano infatti indietro nel tempo, al 1987. Ma “Requiem di provincia”, come tutti gli episodi delle saghe letterarie o cinematografiche, è un prequel che può essere letto per primo.

Se si ama la bella scrittura, poetica e non retorica, non si può che rimanere incantanti dai libri di Davide Longo, docente alla Scuola Holden di Torino. Dice di lui Alessandro Baricco: «Quel suo scrivere che ho studiato a lungo, come potrei studiare un cocktail, e adesso credo di aver capito: due parti di Fenoglio, due di Simenon, una di Paolo Conte e cinque di Davide Longo. Aggiungere una spezia che non so (qualcosa come una goccia di disperazione, direi, ma non so) e servire. Ne butti giù uno e poi non smetti più. Giuro».

La trama
Lo scrittore Davide Longo
Davide Longo presenta il suo ultimo romanzo “Requiem di provincia”

Bramard vive qui il suo momento più buio. Vaga per i bar di notte, mentre Arcadipane cerca di riportarlo sulla retta via e sul caso che li travolge: in una tranquilla provincia piemontese, sotto la crosta della normalità, il dirigente di un grande gruppo industriale è in coma con un proiettile nella testa. Qualcuno col viso coperto da un passamontagna gli ha sparato a sangue freddo sul pianerottolo di casa. Terrorismo? Bramard indaga sugli aspetti più intimi e personali della vittima, seguendo il suo istinto. Le soluzioni inaspettate che arriveranno dalle sue stesse intuizioni saranno anche motore di un costo personale devastante. La ricerca del colpevole è, insieme, una ricerca del mistero.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Succursale Galilei, iniziano i lavori

Prossimo articolo

I Sabati favolosi di aprile

Ultime notizie di Cultura

Cinema d’estate

Cinesisters organizzano quattro serate con spettacolo unico alle 21,15 presso il cinema Eugenio Fassino: biglietteria dalle