Lavoro, tanta fatica per nulla

/
1 minuto di lettura

Il libro di Edi Lazzi sulla precarietà del lavoro nel nostro Paese sarà presentato venerdì 10 maggio alle 20,30 in biblioteca: organizzano Anpi Avigliana e Spi Cgil con il patrocinio del Comune

Avigliana, 30 aprile 2024 – Tanta fatica per nulla, la regola della precarietà è il titolo del libro di Edi Lazzi, segretario generale della Fiom-Cgil di Torino, che venerdì 10 maggio alle 20,30 all biblioteca Primo Levi di Avigliana sarà presentato in un dialogo con Felice Celestini dello Spi-Cgil di Avigliana. L’incontro è organizzato da Anpi Avigliana, Spi Cgil Avigliana e dalla biblioteca con il patrocinio del Comune di Avigiana. Il volume, pubblicato dalle Edizioni Gruppo Abele è una ricognizione sul lavoro precario nel nostro Paese. Testimonianze di lavoratrici e lavoratori che – malgrado contratti stabili – rimangono senza diritti, senza tutele e a volte senza reddito. L’autore ha raccolto tredici testimonianze, esemplari di un’intera generazione, di giovani intrappolati loro malgrado in questa devastante condizione di precariato di vita e di lavoro. Ma come siamo arrivati a tutto questo? Come abbiamo potuto permetterlo? Edi Lazzi – che da sindacalista questi giovani li ha ascoltati e intervistati – rivolgendosi direttamente a loro analizza le cause, ma soprattutto prova a indicare una via d’uscita. Perché cambiare è possibile, sempre.

Biblioteca Primo Levi, Centro polifunzionale “La Fabrica” Via IV Novembre 19, Avigliana.

Buongiorno, lei è licenziata
Edi Lazzi è anche autore di Buongiorno, lei è licenziata – Storie di lavoratrici nella crisi industriale, un libro sulla crisi dell’auto e il declino industriale che hanno colpito Torino e il suo hinterland. Gli imprenditori locali che hanno smesso di investire, sono fuggiti e hanno delocalizzato. Una classe politica miope e poco coraggiosa, incapace di gestire adeguatamente il cambiamento. È il contesto in cui si inseriscono le storie, raccolte da Lazzi, di alcune lavoratrici che hanno perso il lavoro e che si raccontano. Descrivono la fatica, la rabbia e la disperazione, e come per le donne sia ancora più difficile. Ma raccontano anche la fierezza e la dignità. E ricordano i momenti di lotta, quando sono riuscite a far sentire la loro voce. Perché il lavoro è vita. Con una prefazione di Francesca Re David.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Ccrr per il futuro: act locally, change globally

Prossimo articolo

Terzo Trial del Conte Rosso

Ultime notizie di Cultura

Cinema d’estate

Cinesisters organizzano quattro serate con spettacolo unico alle 21,15 presso il cinema Eugenio Fassino: biglietteria dalle