Gribaudo e Vigliaturo “A regola d’arte”

/
3 minuti di lettura

Sabato 7 maggio 2022 alle 17, nella suggestiva cornice della chiesa di Santa Croce nel borgo medievale di Avigliana, e in Galleria Arte per voi sarà inaugurata la mostra “A regola d’arte” di Ezio Gribaudo e Silvio Vigliaturo, organizzata da Arte per voi, promossa dal Comune di Avigliana con il patrocinio della Regione Piemonte

Avigliana, 2 maggio 2022 – La Città di Avigliana, da sempre teatro di esperienze artistiche di rilievo, può contare ancora una volta su iniziative che si proiettano nel futuro affondando saldamente le proprie radici nel passato. Lo fa attraverso lo sguardo di due straordinari artisti. Ezio Gribaudo e Silvio Vigliaturo sono infatti accomunati da quella eccezionale capacità di essere moderni alchimisti, che si distinguono per una creatività che proietta le loro opere in una dimensione ludica e ironica, ma sempre lucida. Ne sono un esempio “I dinosauri” di Ezio Gribaudo, i quali rappresentano un’era lontana, ma sempre attuale in quanto caratterizzata da una straordinaria capacità di dominare e di essere al tempo stesso estremamente vulnerabili. Parimenti Silvio Vigliaturo con la sua opera “I miti” interpreta suggestioni arcaiche con rappresentazioni dinamiche e giocose.

«La mostra “A regola d’arte” nasce dall’idea di suscitare un sentimento di solidarietà con la cittadinanza dopo due lunghissimi anni che ci hanno visti colpiti nei nostri legami più profondi — spiega Donatella Avanzo curatrice e storica dell’arte — isolandoci gli uni dagli altri e interrompendo di fatto il nostro modo di vivere. Mai come in questo momento abbiamo bisogno di ritrovare un’armonia interiore che sappia, anche attraverso la bellezza, nutrire la mente e lo spirito».

Oltre alla galleria “Arte per Voi” a custodire tesori così pregevoli è la chiesa di Santa Croce in piazza Conte Rosso, eletta a luogo di esposizioni di rilievo. Oggi al centro di un progetto di ulteriore valorizzazione attraverso il programma Art Bonus è divenuta il simbolo di come la tutela del patrimonio culturale sia una responsabilità condivisa.

Come ulteriore segno di unione con la Città di Avigliana la mostra non occuperà soltanto gli spazi espositivi interni, ma si estenderà come in un abbraccio a piazza Conte Rosso fino a giungere in piazza del Popolo. Alcuni edifici che vi si affacciano diventeranno col calare del buio tableaux vivants attraverso spettacolari proiezioni delle opere dei due maestri a cura della società aviglianese Proietta Srl.

La mostra è organizzata dal Comune di Avigliana in collaborazione con “Arte per Voi”, sarà inaugurata il 7 maggio alle 17 nella chiesa di Santa Croce e resterà aperta fino al 24 luglio il sabato e la domenica dalle 16 alle 22.

Il catalogo della mostra è a cura de “Gli Ori – Editori Contemporanei” di Pistoia.

Gli artisti
Ezio Gribaudo nasce a Torino il 10 gennaio 1929. Studia all’Accademia di Brera di Milano (1949-52) e alla facoltà di architettura del Politecnico di Torino (1950-52). Viaggia a Parigi (1947), Mosca (1950), Bucarest (1953) e tiene la sua prima personale alla Saletta Cristallo a Torino nel 1953. Nel 1959 la Galleria La Bussola, Torino, gli dedica una mostra di rilievo. Nello stesso anno entra nella casa editrice Fratelli Pozzo dove rimarrà come redattore sino al 1974. Nel 2003 è insignito della Medaglia d’oro della Città di Torino, e due anni più tardi è nominato presidente dell’Accademia Albertina, di cui diventa Accademico onorario nel 2008 e dove è presentata una retrospettiva per commemorare l’evento. Gribaudo vive e lavora a Torino, grande tra i grandi dell’arte contemporanea, multiforme e instancabile ricercatore nella sperimentazione, ha esaltato l’importanza dei materiali attraverso la versatilità della sua arte pittorica, grafica e scultorea.

Silvio Vigliaturo nasce ad Acri, in Calabria, nel 1949. Giovanissimo si trasferisce a Chieri, dove tuttora vive e lavora. Artista e maestro del vetro, la sua tecnica è da sempre volta alla ricerca e alla sperimentazione. Dalle prime esposizioni, nel 1977, passando per la partecipazione al Padiglione Italia della 54esima Biennale di Venezia, sino alla personale nel giugno 2012 al Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino, il percorso artistico di Vigliaturo si presenta in costante evoluzione. Un cammino graduale e tenace ha portato l’artista ad affrontare una grande varietà di tematiche con stili e strumenti diversi. Il dipinto, il vetro, l’acciaio, la terra cotta sono tutti trattati allo stesso tempo come materia e come scelta ideologica. Nel 2006, Vigliaturo riceve la nomina di testimonial artistico dei XX Giochi olimpici invernali svoltisi a Torino. Nel giugno dello stesso anno, la Città di Acri gli dedica il Museo arte contemporanea Acri che ospita una collezione permanente delle sue opere: una biografia artistica che si snoda attraverso più di duecento esemplari, tra sculture e dipinti. Nel 2010, la Regione Calabria lo ha invitato quale artista testimonial all’Expo Shanghai 2010. A inizio 2013 prende parte alla mostra Contemporary glass sculpture, dell’Orlando Museum of Art.

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Consiglio comunale del 27 e 29 aprile 2022

Prossimo articolo

Covid-19: una targa per l’impegno

Ultime notizie di Cultura

Disegni e di sogni

Dal 21 maggio al 5 giugno 2022 alla Galleria comunale di via Porta Ferrata 9 esposizione

Nati per leggere 2022

Sabato 21 maggio 2022 a partire dalle 10,30 all’Alveare verde si terrà la tradizionale festa di

Sensi all’opera!

Per i sabati favolosi il 7 maggio in biblioteca dalle 10,30 si terrà un incontro di

Sul sentiero blu

Martedì 3 maggio alle 21 al Fassino Gabriele Vacis presenterà il suo film Sul sentiero blu

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: