Giornata contro lo spreco alimentare

3 minuti di lettura

Ad Avigliana il progetto “Resto… mangia plus” recupera il cibo invenduto dal mercato, negozi alimentari, bar e ristoranti. Sarà consegnato alle famiglie in difficoltà e ritirato con il Cyclebus 

Avigliana, 2 febbraio 2021 – In vista della Giornata nazionale contro lo spreco alimentare del 5 febbraio, a due anni dall’attivazione del progetto “Resto…mangia!”, l’assessorato all’Ambiente annuncia un’ulteriore evoluzione del progetto. “Resto…mangia plus!” prevede infatti il recupero dell’invenduto non soltanto dal mercato di piazza del Popolo, ma anche da negozi alimentari, bar e ristoranti aviglianesi durante tutta la settimana, attraverso un bus a pedali (Cyclebus) che sarà consegnato alla nostra Città a fine febbraio. Il nuovo progetto di lotta allo spreco alimentare è reso possibile grazie a un bando indetto dalla Fondazione Time 2, che ha messo a disposizione di Fiab-Bici & dintorni un finanziamento di 23mila euro con cui attivare anche due tirocini.

Il progetto aiuterà le famiglie aviglianesi, individuate dal Conisa, che presentano un bisogno sociale (povertà economica, emarginazione, carenza di reti, perdita di obiettivi) ma anche capacità e talenti utilizzabili dalla comunità locale. Attraverso la raccolta del cibo non somministrato da ristoranti, bar e negozi alimentari, si metteranno queste famiglie in rete con gli esercenti che condividano la cultura dell’economia circolare.

«Come nel progetto “Resto…mangia!” sempre attivo al mercato – spiega l’assessora all’Ambiente Fiorenza Arisio –, la cittadinanza, se lo vorrà, sarà chiamata a fare la sua parte non solo con la spesa solidale al mercato settimanale, ma anche lasciando il “caffè sospeso” (che a seconda degli esercizi coinvolti potrà anche essere qualcosa di diverso dal semplice caffè). Se nei prossimi mesi vedrete quindi girare per Avigliana un bus a pedali non stupitevi: vorrà dire che saremo riusciti a dare finalmente gambe anche a questo nuovo progetto antispreco».

Dal 2021 la Giornata nazionale di Prevenzione dello spreco alimentare si focalizza con attenzione sul nuovo decennio che ci guiderà al 2030: in primo piano gli Obiettivi di Sostenibilità indicati nell’Agenda Onu 2030 e in questa direzione la nuova dimensione di uno strumento di riferimento per il monitoraggio dello spreco alimentare in Italia, l’Osservatorio Waste Watcher che diventa adesso una realtà internazionale e progetta una survey di respiro globale che sarà presentata il prossimo 29 settembre, Giornata internazionale di consapevolezza delle perdite e degli sprechi alimentari promossa dalle Nazioni Unite.

L’iniziativa a livello nazionale è il Forum, in programma dalle 11.30 del 5 febbraio su piattaforma digitale, per iniziativa della campagna Spreco Zero di Last Minute Market in sinergia con il ministero dell’Ambiente e inoltre con il patrocinio del ministero degli Affari Esteri, del World Food Programme Italia, di Anci e della rete di Comuni Sprecozero.net.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Contaminazioni generative in Valle

Prossimo articolo

Tea time concerto, XX edizione

Ultime notizie di Ambiente

Astoria torna libera

Rapace ingabbiato e mutilato torna libero dopo un anno grazie al lavoro di riabilitazione dei guardiaparco 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: