Enrica Tesio e Andrea Mirò al Fassino

3 minuti di lettura

“Il settimo giorno lui si riposò, io no” è uno show di e con Enrica Tesio e Andrea Mirò al teatro Fassino sabato 25 febbraio 2023, alle 21. E nel pomeriggio la biblioteca organizza un aperitivo con la scrittrice e artista

Tutto esaurito per lo show di Enrica Tesio e Andrea Mirò Il settimo giorno lui si riposò, io no in scena al teatro Fassino sabato 25 febbraio 2023, alle 21, per il quale è comunque stata allestita una lista d’attesa. Ma non si tratta soltanto di uno spettacolo e come dicono le artiste in scena: «È una seduta di autoaiuto, un monologo sulla vita di una donna come tante, ma con occhiaie uniche nel suo genere!».

Anteprima in biblioteca
La biblioteca civica Primo Levi ha organizzato un aperitivo con la scrittrice con firmacopie del libro da cui è tratto lo show, prima dello spettacolo. Enrica Tesio sarà quindi anche in biblioteca nel pomeriggio di sabato 25 febbraio alle 17, anche per coloro che non riusciranno a vedere lo spettacolo sold out.
A fare da contrappunto alle parole argute e piene di humour di Enrica Tesio sono le musiche eseguite dal vivo da Andrea Mirò: una selezione di canzoni originali e brani di grandi autori in cui la visione slow della vita si interseca e si contrappone alla frenesia dei tempi moderni esprimendo una prospettiva diversa, avulsa, distante e, probabilmente, salvifica. Da Rino Gaetano a Giorgio Gaber, da Enzo Del Re a Niccolò Fabi, fino a Lucio Dalla passando attraverso i brani della stessa cantautrice astigiana: una trama fatta di sonorità raffinate e suggestioni poetiche per celebrare, in musica, un elogio alla lentezza.
Il racconto a due voci di due donne straordinariamente talentuose per uno spaccato, attualissimo e incredibilmente ironico, del nostro tempo, che arriva al Teatro Fassino di Avigliana sabato 25 febbraio all’interno della rassegna Book Immersion, ideata dall’associazione Revejo in collaborazione con il Comune di Avigliana, il Sistema bibliotecario Valle Susa e l’Unione Montana Valle Susa e con il contributo della Regione Piemonte.

La sindrome da fatica cronica, o encefalite mialgica, è un disturbo riconosciuto di recente. Ma, anche senza arrivare all’effettiva diagnosi, la stanchezza cronica sembra colpire sempre più persone, fino alle più alte gerarchie: persino Papa Benedetto XVI decise di mollare perché troppo stanco. Nessuno, tuttavia, può dimettersi dalle proprie fatiche quotidiane. È questo il punto di partenza dell’esplorazione che Enrica Tesio, blogger e autrice, compie in Tutta la stanchezza del mondo (Bompiani, 2022), ironico diario privato di fatiche collettive: la fatica delle madri, quella da social, la stanchezza della burocrazia, del diventare adulti, perfino la stanchezza della bellezza.

Dalla pagina al palcoscenico il salto è breve e quasi obbligato per il popolo del multitasking che diventa “multistanching”. Persone che scorrono le pagine dei social per misurare le vite degli altri, che riempiono di impegni i figli per paura di non stimolarli abbastanza, che la sera si portano il computer in camera da letto per guardare una serie e intanto rispondere all’ultima mail. Quelli che, per riposarsi, si devono concentrare.

Enrica Tesio, blogger e scrittrice torinese, ha tre figli, due gatti, un amore e un mutuo. Laureata in Lettere con indirizzo cinematografico, è copywriter da quando aveva vent’anni. Nel 2015 pubblica per Mondadori La verità, vi spiego, sull’amore, dal quale è stato tratto un film per la regia di Max Croci, con Ambra Angiolini protagonista. Nel 2017 esce per Bompiani Dodici ricordi e un segreto. Nel 2019 pubblica per Giunti la raccolta di poesie Filastorta d’amore. Rime fragili per donne resistenti, che è diventata uno spettacolo teatrale.
Scrive per “Marie Claire” e ha tenuto diverse rubriche per “Repubblica” e “Donna Moderna”.

Andrea Mirò è un’artista eclettica, come pochissimi altri in Italia. Polistrumentista, autrice, produttrice, cantante e direttore d’orchestra, ha alternato la carriera da solista (otto i dischi all’attivo, molti i riconoscimenti dalla critica di settore) a numerose collaborazioni (Eugenio Finardi, Mango, Roberto Vecchioni, Ron, Enrico Ruggeri fra gli altri). Un articolato percorso che si declina non soltanto nella musica ma anche nel teatro: da La Belle Equipe (viaggio nella canzone d’autore francese) al Jesus Christ Superstar di Massimo Romeo Piparo, dal concerto multimediale Three Mile Island al ruolo di Maestro Concertatore della Notte della Taranta, fino alla sua recente versione di Far finta di essere sani di Gaber.

Il settimo giorno lui si riposò, io no
Uno show di e con Enrica Tesio e Andrea Mirò
Teatro Eugenio Fassino, Avigliana (TO), sabato 25 febbraio 2023, ore 21.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Gli esuli sardi e il risorgimento

Prossimo articolo

Carnevale al mercato del martedì

Ultime notizie di Cultura

Alberi e memoria

Nell’ambito del Patto della lettura, due incontri al mese sul tema degli alberi nell’arte, la musica,