Anche la rotonda della Grangia diventa realtà

1 minuto di lettura

Dopo 25 anni di attesa arriva la soluzione per un ulteriore nodo viario del territorio: sarà finalmente eliminato il semaforo tra la Ss24 e la Sp 197

Città Metropolitana di Torino, ha approvato il progetto esecutivo della rotatoria della Grangia, che andrà a eliminare il semaforo tra la SS 24 e la SP 197, ultimo impianto semaforico sulla SS 24 da Caselette a Borgone di Susa.
Il progetto prevede la realizzazione di due rotatorie in successione collegate, rotatoria a 8, che avranno la funzione di ridurre la velocità, senza che si vengano a creare code come avviene con l’attuale impianto semaforico. «L’accesso alla rotatoria avverrà da quattro bracci d’entrata e d’uscita – spiega l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Remoto –, separati da isole spartitraffico sistemate a prato verde e rialzate rispetto la sede viaria, con la funzione di impedire invasioni di corsia opposta da parte di chi percorre la traiettoria di uscita. Come Amministrazione esprimiamo grande soddisfazione per questo risultato, frutto del costante confronto che stiamo portando avanti con Città Metropolitana di Torino. Confidiamo ora in un celere affidamento dei lavori, in modo da poter finalmente vedere risolto un annoso problema di viabilità».
I lavori costeranno complessivamente 260mila euro interamente a carico di Città Metropolitana di Torino.

1 Comment

  1. […] 19,04 – Si passa al punto 4. Il segretario dà chiarimenti alla minoranza sull’invio di materiale ai consiglieri nella giornata di oggi. Il materiale è già stato inviato in tempo utile via mail il 24 marzo e inviata oggi una seconda volta dalla segreteria. Il sindaco illustra la ratifica conseguente a una delibera di Giunta. Il Comune è stato destinatario di un finanziamento per la messa in sicurezza della Sp157, corso Dora e vie limitrofe e la realizzazione della rotonda. […]

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Strade più sicure

Prossimo articolo

Il legno dell’incendio riprende vita

Ultime notizie di Territorio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: