Abbandoni di rifiuti: aumentano le sanzioni

/
1 minuto di lettura

Differenziate in base alla gravità dei reati ambientali: per chi abbandona ingombranti, fino a 500€ di multa

Avigliana, 26 luglio 2023 – Nel corso dell’ultimo Consiglio comunale del 14 luglio scorso, sono state apportate modifiche al Regolamento comunale di gestione dei rifiuti urbani.

Il nuovo regolamento prevede modifiche introdotte dalla nuova normativa a livello nazione e sovranazionale. Sono aumentate le sanzioni per cattiva gestione della raccolta differenziata.

Aggiornati anche gli importi delle sanzioni che riguardano gli abbandoni di rifiuti: sono state infatti differenziate le sanzioni in base alla gravità dei reati ambientali con importi differenti rispetto ai 50 euro previsti in precedenza. Chi abbandona rifiuti ingombranti ora rischia fino a 500€ di multa.

Uno degli interventi degli Ecovolontari di Avigliana
Uno degli interventi degli Ecovolontari di Avigliana

«Nonostante le continue operazioni di sensibilizzazione sui rifiuti rivolte alla cittadinanza – dichiara l’assessore all’Ambiente Stefano Ditella –, continuiamo a registrare sul territorio frequenti abbandoni di rifiuti, spesso ingombranti, che impegnano risorse economiche dell’ente comunale, dunque di tutti i cittadini. Auspichiamo che sanzioni più elevate scoraggino simili comportamenti scorretti ed incivili».

Continuano i controlli sia con il corpo di Polizia locale che con le Guardie ecologiche volontarie della Città metropolitana e le Guardie ecologiche di Laboratorio verde che operano sul territorio per contrastare i comportamenti inadeguati e scorretti e scoraggiare gli abbandoni sul territorio. Nel 2022 dall’ufficio Ambiente del Comune sono partite 165 segnalazioni di recupero abbandoni.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Lago Grande, situazione rientrata

Prossimo articolo

Avigliana by night summer edition

Ultime notizie di Ambiente

Pfas e acqua potabile

Un rapporto di Greenpeace denuncia un possibile inquinamento da composti poli e perfluoroalchilici. Smat rassicura: acque