Una balena nel parco

/
4 minuti di lettura

Nell’ambito del Festival della Sostenibilità e dei Sabati favolosi, l’associazione Una balena nel Bosco presenterà le proprie attività sabato 26 settembre alle 10 nel parco Alveare verde: un contesto ideale per ripartire proprio dai bambini, dalla comunità educante e dall’aria aperta

Sabato 26 settembre alle 10 nel parco Alveare verde, nell’ambito del Festival della Sostenibilità, e dei Sabati favolosi, l’associazione Una balena nel Bosco aspetta i bambini per attività da fare insieme. Il contesto del parco è ideale per ripartire proprio dai bambini, dalla comunità educante e dall’aria aperta attraverso il gioco e proporre un percorso per riconnetterci alla natura. Adulti e bambini saranno accompagnati a risvegliare la curiosità verso il mondo che ci circonda, e a scoprire la meraviglia presente nelle piccole e grandi cose che offre il territorio. Un’esperienza a 360 gradi: l’esplorazione coinvolge l’intero corpo che entra in relazione con l’ambiente attraverso tutti i sensi di cui disponiamo.
Allontanarsi dalla fretta e dalla consuetudine per recuperare il significato infantile del gioco e dell’esplorazione nella vita adulta come chiave per vivere pienamente il presente. Ma anche come esercizio di immedesimazione, per comprendere meglio come apprendono i bambini e quanto sia importante lasciarli liberi di giocare ed esplorare per supportare al meglio il loro sviluppo psico-fisico.

L’associazione Una balena nel bosco si occupa di promuovere l’educazione all’aperto e la pedagogia del bosco. Un approccio in cui le occasioni di crescita e apprendimento nascono in maniera spontanea dalla libera interazione tra l’ambiente e i bambini. Viene dunque promossa l’esperienza diretta e continuativa nell’ambiente selvatico non strutturato, in quanto pratica che favorisce il benessere e lo sviluppo integrale della persona.

LA COMUNITÀ EDUCANTE
 La prima comunità che accoglie un bambino appena nato è la famiglia, ma questa non deve essere lasciata sola di fronte al complesso compito di educare. L’apprendimento è infatti un fenomeno sociale, che si basa su osservazione, dialogo e partecipazione.
Per questo la finalità della nostra associazione è quella di creare una comunità educante: uno spazio di crescita, riflessione e confronto in cui ripensare il nostro approccio alla vita e alla nostra cultura, consapevoli dell’importanza del nostro esempio per sostenere i processi di crescita dei più piccoli.
outdoor education
Grazie agli infiniti stimoli e alle dimensioni del cambiamento e dell’imprevisto che gli sono proprie, l’ambiente selvatico non strutturato è il contesto di apprendimento ideale per i bambini.
Nell’aula mondo hanno infatti la possibilità di soddisfare la loro curiosità, i loro bisogni di movimento, di scoperta e di meraviglia. Acquisiscono sicurezza in se stessi, accrescono il proprio sistema sensoriale ed immunitario, imparano a gestire le emozioni e ad aiutarsi a vicenda. Immersi nella bellezza, in un ambiente ricco di stimoli a misura di bambino, incontrano la complessità della vita e creano una relazione con il proprio territorio e gli esseri viventi che insieme a noi lo popolano.
Crescere nella natura aiuta a sviluppare una coscienza ecologica, fondamentale in questa epoca di cambiamenti climatici per imparare a rispettare l’ambiente e prenderci cura del pianeta che ci ospita.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Teatro, arriva la Banda Osiris

Prossimo articolo

Sabati favolosi nell’Alveare verde

Ultime notizie di Ambiente

Festa dell’albero

Quest’anno le piante vanno a scuola: appuntamento nazionale il 20 novembre alle 10 con collegamento via

Covid e rifiuti

Le regole per conferire i rifiuti all’ecocentro e le indicazioni speciali se si è positivi al

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: