Raccontare

3 minuti di lettura

Una scuola di narrazione educativa dal 25 al 28 luglio 2019 alla Certosa 1515: la natura si racconta: eco-narrazione e pedagogia ambientaleSe i Paesi della Terra non prenderanno provvedimenti per limitare i gas serra, il riscaldamento globale potrebbe superare la soglia di 1,5 gradi fra appena 11 anni, nel 2030. È questo lo scenario  tratteggiato dal rapporto dell’Onu-Ipcc diffuso a ottobre 2018 prima del Vertice di Incheon (Corea del Sud). Dati che mettono in discussione il nostro stile di vita ormai  insostenibile. È da molto che lo sappiamo, ma forse solo oggi l’aumento delle frequenza e/o l’intensità dei  fenomeni meteorologici estremi rendono evidente come non ci sia più tempo. Sono proprio i ragazzi e le ragazze, i famosi e tanto vituperati millennias –  Greta Thunberg e il movimento Fridays for future che chiedono di agire senza indugi.

La scuola di educazione narrativa, nata nel 2013 da un’idea di Duccio Demetrio e collaborazione tra diversi soggetti: Gruppo Abele, Libera Università dell’autobiografia di Anghiari, associazione Certosa 1515 e Benedetta Centovalli literary agency scouting & editing. Dopo 5 anni di esperienza e un anno di pausa, quest’anno, a partire dall’urgenza che i temi ambientali oggi rivestono, e dall’avvio presso la Certosa 1515 del progetto Casa Comune, si propone di approfondire i temi dell’eco-narrazione e della pedagogia ambientale. Il percorso analizzerà il tema dell’educazione ambientale in una prospettiva narratologica, proponendo anche degli sguardi sull’importanza della natura nei percorsi di cura in un approccio multisciplinare che metterà insieme scrittori, ambientalisti, educatori, guide naturalistiche. Si alterneranno momenti teorici a laboratori, incontri con testimoni e narratori, passeggiate e silenzio.
La proposta formativa si rivolge a chiunque lavori in campi educativi o ad essi contigui: insegnanti, educatori professionali, operatori della cura e della salute, animatori culturali. La scuola ha ottenuto 30 crediti Ecm per gli operatori sanitari ed è accreditata per gli insegnanti.
Ci accompagneranno nel percorso Marco Battain, Marco Bertone, Lucia Bianco, Marilena Capellino, Benedetta Centovalli, Denis Paone, Vinicio Perugia.
Sono previste due serata aperte al pubblico di incontro con autori che attraverso opere di poesia e di narrazione si occupano di tematiche ambientali: il 26 luglio con Tiziano Fratus ed il 27 luglio con Antonio Moresco.

La scuola di narrazione educativa fa parte del progetto La fabbrica delle storie 2018 co-finanziato da Regione Piemonte.

Per consultare programma completo consultare il sito del Gruppo Abele.
Per Informazioni ed iscrizioni: tel. 011 3841073  cell. 331 575 3828 mail.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Giro d'Italia femminile

Prossimo articolo

Gran torneo di softball under 15

Ultime notizie di Cultura

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: