Novità sul compostaggio

in Ambiente

Ultime due serate informative sul compostaggio martedì 2 ottobre alle ore 21,15 presso la ex scuola Bertassi (via Maritano Lino 12) e mercoledì 3 ottobre 2018, ore 21,15 scuola primaria Italo Calvino (via Mompellato 13). Sarà illustrato il progetto unitario per regolare e incrementare la pratica dell’autocompostaggio e adeguarla così a quanto previsto dalla Regione Piemonte Martedì 11 settembre si è svolto in sala consiglio il primo incontro dedicato al compostaggio domestico e alla raccolta differenziata. Il dottor Giovanni Periale, membro del consiglio di amministrazione di Acsel e la dottoressa Cristina Cotto, consulente di Acsel e Cidiu per il compostaggio, hanno spiegato a un pubblico molto attento e partecipativo i dati e i vantaggi della raccolta differenziata e del compostaggio domestico. La serata informativa, come anche le prossime 4 che si svolgeranno in giro per Avigliana fino ai primi di ottobre, è stata promossa dal Comune di Avigliana, sia per sensibilizzare la popolazione rispetto all’importanza di effettuare correttamente la raccolta differenziata dei rifiuti, sia per incentivare il compostaggio domestico che, se effettuato correttamente, presenta il duplice vantaggio di permettere di avere uno sconto sulla Tari (33% della parte variabile del tributo), e di avere a costo zero un utilissimo materiale di concimazione per il proprio orto o vasi.

Giovanni Periale ha introdotto la serata con alcuni dati sul nostro Comune, che ha finalmente raggiunto la percentuale del 65% per raccolta differenziata, perché ora vengono conteggiati in tale raccolta sia gli inerti che gli ingombranti. Con il passaggio dell’albo compostatori comunale alla gestione regionale, prossimamente nella differenziata verranno conteggiati anche i compostatori (che già adesso sono più di 1000) ma benché tutto ciò dovrebbe far aumentare a livello numerico la percentuale di raccolta differenziata, resta ancora il grosso problema che la quantità totale di rifiuti (soprattutto indifferenziati) sta aumentando e che la qualità di ciò che viene differenziato non è delle migliori. «Come è emerso anche dalla discussione durante la serata – spiega l’assessore alle Politiche ambientali Fiorenza Arisio -, sicuramente non è semplice evitare di produrre molti rifiuti quando tante delle cose che si acquistano sono contenute in molti imballaggi, ma la nuova legge regionale sui rifiuti, entrata in vigore il 10 gennaio di quest’anno, prevede che la produzione di rifiuti indifferenziati annui pro-capite non superi i 190 kg per il 2018, e i 159 kg per il 2020, per cui bisogna chiedere alle persone di fare un piccolo sforzo nel prediligere, fin dal momento dei propri acquisti, i prodotti che presentano minori imballaggi o imballaggi che è più facile differenziare. Ad Avigliana, inoltre, abbiamo la fortuna di avere un gruppo di Ecovolontari che gestisce il centro AviglianaRiusa, in cui si possono portare o andare a prendere gratuitamente oggetti ancora in buono stato che si può evitare di immettere nella catena dei rifiuti quando li si vuol dismettere, per cui invitiamo tutta la cittadinanza ad utilizzarlo ancor più frequentemente, tenendo conto che da questo autunno avrà una sede ancora più comoda in corso Torino».

Anche il compostaggio ha, in senso lato, una valenza di riutilizzo, perché trasforma quello che è un rifiuto organico in un bene prezioso per le nostre piante. Per quanto riguarda l’intervento sul compostaggio, Cristina Cotto ha dato infatti una serie di informazioni molto dettagliate su quali sono le modalità con cui possiamo trattare la frazione di “umido” dei nostri rifiuti e di quali sono le attenzioni che bisogna avere per ottenere un buon compost.

Coloro che si iscrivono ora all’albo dei compostatori, così come coloro che erano già iscritti, riceveranno a partire da questo autunno delle verifiche da parte di personale specializzato del CiDiu che, esponendo il tesserino con il logo dell’azienda, chiederanno di poter visionare il composter, la “tampa” o il cumulo in cui, chi è iscritto all’albo dei compostatori, ha dichiarato di conferire la propria frazione di organico (da regolamento comunale tale luogo può anche non essere coincidente con l’abitazione, ma deve essere quello indicato durante l’iscrizione all’albo dei compostatori). Il personale che effettuerà questi controlli non è autorizzato a entrare in casa ma solo a visionare la parte di giardino in cui si trova il composter, in ogni caso si cercherà di fare in modo che gli uffici comunali sappiano quali sono di volta in volta le zone in cui verranno effettuati i controlli e si possa avvisare la popolazione (con informazioni sui giornali) rispetto alla possibilità che i controlli in una certa zona si verifichino in un certo lasso di tempo. Le persone che hanno partecipato all’incontro hanno fatto molte domande di diverso tipo per cui, alla fine del ciclo di incontri su queste tematiche, sicuramente sarà fatto tesoro dei dubbi e delle richieste della popolazione per migliorare la raccolta dei rifiuti.

Carissimi concittadini,

a fine 2017 la Regione Piemonte ha introdotto importantissime novità sulla pratica del compostaggio domestico, permettendo di conteggiare le quantità che derivano da questa pratica nella raccolta differenziata, fino ad un limite massimo di 120 kg/ab/anno. In tutta la zona Ovest di Torino (prima cintura e Valle di Susa) il consorzio Cados per la raccolta rifiuti, in collaborazione con i due gestori che operano sul territorio, ha elaborato e proposto un progetto unitario per regolare e incrementare la pratica dell’autocompostaggio così da adeguarla a quanto previsto dalla Regione.

Il nostro Comune ha accolto positivamente tale progetto che permette di gestire in modo omogeneo e unitario le modalità di formazione, informazione e controllo della pratica dell’autocompostaggio e della creazione dell’Albo Compostatori, nonché di incrementare la percentuale di raccolta differenziata. Inoltre aumentare la diffusione dell’autocompostaggio nei territori con maggiore vocazione per questa pratica, permetterà di ottimizzare la raccolta differenziata della frazione organica, con potenziali risparmi nel medio/lungo termine dovuti:

  • alla riduzione dei rifiuti organici da avviare a trattamento;
  • alla riorganizzazione della raccolta differenziata della frazione organica, con individuazione di aree con servizi meno intensivi.

Gli utenti che hanno intenzione di avviare la pratica dell’autocompostaggio devono compilare il modulo reperibile sul sito del Comune www.comune.avigliana.to.it (seguire il percorso servizi ai cittadini – pagare le tasse – Imposta Comunale Unica- Pagamento Tassa Rifiuti (TARI) – Modulistica – Compostaggio) e trasmetterlo al seguente indirizzo di posta elettronica: tassarifiuti@comune.avigliana.to.it oppure recarsi presso l’Ufficio Tributi nei seguenti giorni e orari: lunedì 8.30/12.15 – martedì chiuso – mercoledì 8.30/12.15 e 14.30/18.45 – giovedì 8.30/12.15 – venerdì 8.30/12.15.

SERATE INFORMATIVE
Incontri sul compostaggio domestico e sulla raccolta differenziata:

  • Martedì 11/09/2018 ore 21,15 Sala Consiliare – piazza Conte Rosso 7
  • Venerdì 14/09/2018 ore 21,15 Auditorium Bertotto, Scuole Medie – piazza del Popolo
  • Martedì 25/09/2018 ore 21,15 Scuola Primaria Anna Frank – via Drubiaglio 1
  • Martedì 02/10/2018 ore 21,15 Ex scuola Bertassi – via Maritano Lino 12
  • Mercoledì 03/10/2018 ore 21,15 Scuola Primaria Italo Calvino – via Mompellato 13

Troverete informazioni utili anche sui siti internet www.cados.it – www.acselspa.it – www.cidiu.to.it/cidiuservizi
Ringraziamo per l’attenzione e vi aspettiamo!

il sindaco di Avigliana Andrea Archinà
l’assessore all’Ambiente Fiorenza Arisio

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime da Ambiente

Festa dell’albero

La Festa dell’albero è una tradizione ultraventennale ad Avigliana: un evento organizzato

Puliamo il mondo 2018

Nel corso dell’edizione 2018 di Puliamo il mondo, il 28 settembre saranno coinvolti
Vai Su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: