La Giornata mondiale dell’Ambiente

in Ambiente

Il 5 giugno è la Giornata mondiale dell’Ambiente. Il Comune di Avigliana ha raggiunto un ottimo risultato grazie a tutti i cittadini: il 65% di raccolta differenziata. Sabato mattina 9 giugno 2018 gli Ecovolontari saranno nell’atrio del Centro Commerciale Le Torri con un banchetto espositivo

Foto di Danilo Prudêncio Silva. Licenza: CC BY-SA 3.0. Fonte Wikipedia
Foto di Danilo Prudêncio Silva. Licenza: CC BY-SA 3.0. Fonte Wikipedia

Quest’anno la Giornata mondiale dell’Ambiente è dedicata alle plastiche monouso che inquinano le acque. Il mondo è inquinato soprattutto dalle bottiglie usa e getta delle bevande che entrano nel ciclo alimentare non soltanto di animali che ne muoiono soffocati, ma anche di quelli di cui noi ci nutriamo a nostra volta. Controllare meglio il ciclo dei rifiuti significa quindi risparmiare per la gestione economica del loro smaltimento, ma significa soprattutto vivere in un ambiente più sano per tutti gli esseri viventi, uomo compreso.

La nuova legge regionale sui rifiuti, entrata in vigore il 10 gennaio di quest’ anno, prevede che la produzione di rifiuti indifferenziati annui pro-capite non superi i 190 kg per il 2018, e i 159 kg per il 2020. Dall’indagine conoscitiva che il Comune di Avigliana ha condotto quest’inverno per avere una valutazione del grado di apprezzamento o di disagio rispetto alla nuova tempistica di raccolta dei rifiuti, e per ricevere alcune eventuali proposte per nuove azioni in grado di facilitare i processi di ritiro, è emerso che il cambiamento delle tempistiche di ritiro delle varie filiere di raccolta differenziata ha avuto l’effetto collaterale di modificare anche le abitudini di acquisto: con percentuali differenti a seconda della filiera (si va dal minimo del 6% per la filiera della carta, al massimo del 14% per la filiera del vetro). Benché si debba riconoscere che ci sono molte più persone che lamentano disagi per il fatto che il ritiro quindicinale possa creare problemi a causa degli spazi ristretti a disposizione per lo stoccaggio dei vari rifiuti (si va dall’8% della filiera del vetro al 29% per la filiera della carta), la maggioranza del campione di 376 utenze che ha risposto al questionario, ha comunque dichiarato che il servizio porta a porta è ben organizzato (40% buono, 29% discreto, 14% sufficiente) e più della metà del campione (52% delle risposte) ha anche detto di usare frequentemente il centro di raccolta rifiuti.

In generale ad Avigliana siamo riusciti ad arrivare di recente al 65% della raccolta differenziata, ma questo è solo il dovuto. Impegnandosi un po’ di più, sicuramente si potrà fare ancora meglio per aumentare la differenziazione e diminuire così la produzione di rifiuti indifferenziati. Da questo punto di vista, le azioni quotidiane dei cittadini e il loro impegno, sia per quanto riguarda gli acquisti, che per quanto riguarda la gestione dei rifiuti, saranno di fondamentale importanza per raggiungere l’obiettivo prefissato dalla nuova legge regionale.

ARRIVANO LE GEV
Grazie a un accordo con la Città Metropolitana di Torino, le Guardie ecologiche volontarie pattuglieranno il territorio con un minimo di 12 uscite annuali. Durante il Consiglio comunale del 29 maggio scorso è stata approvata la convenzione.

Il Comune, dal canto suo, sta cercando di fare la sua parte deliberando entro giugno l’assimilazione dell’Albo dei compostatori comunale all’Albo regionale che, da quest’anno, permetterà di far rientrare nel conteggio della raccolta differenziata anche la frazione organica di chi ha un composter (o una “tampa” per l’umido). Nella nostra cittadina sono già circa 1000 le utenze che hanno sgravi sulla Tari grazie all’iscrizione all’albo comunale dei compostatori. Ora, grazie a questo riconoscimento ufficiale da parte della Regione Piemonte, a questi compostatori (su cui verranno fatte delle verifiche solo per accertare che il database che verrà comunicato alla Regione sia corretto e aggiornato), se ne potranno aggiungere altri, facendo sicuramente aumentare ancora la nostra percentuale di raccolta differenziata. Inoltre, il sondaggio citato prima ha evidenziato che il 36% del campione sarebbe preoccupato da un solo ritiro settimanale dell’organico durante i soli mesi invernali, mentre il 59% non avrebbe grossi problemi in merito anche perché ha già il composter.

I cittadini, d’altra parte, in quest’ultimo anno hanno anche dato un buon contributo alla diminuzione dei rifiuti utilizzando in modo sempre più frequente il Centro Avigliana Riusa, attivato proprio a giugno dell’anno scorso e tenuto in piedi grazie al lavoro degli Ecovolontari che lo gestiscono per due sabati al mese. In occasione della Giornata mondiale dell’Ambiente, la loro azione meritoria si sdoppierà e, oltre a tenere aperto come al solito il Centro in via Caduti della Polveriera 20, sabato mattina 9 giugno 2018 terranno anche un banchetto espositivo nell’atrio del Centro Commerciale Le Torri, per rendere più evidente ai passanti quali sono le tipologie di oggetti che si possono portare o andare a prendere del tutto gratuitamente nel Centro Avigliana Riusa.

CENTRO AVIGLIANA RIUSA
Nelle 48 ore di attività (12 mesi per 2 ore per due volte al mese) sono stati riutilizzati e non portati in discarica 3277 kg di oggetti.
Le tipologie di oggetti riutilizzate sono:

  • abiti , accessori di abbigliamento e biancheria per la casa;
  • apparecchiature elettriche ed elettroniche a uso domestico;
  • articoli ed accessori per l’infanzia;
  • attrezzature per lavori domestici, bricolage e giardinaggio;
  • attrezzature sportive; giochi ed oggetti di svago;
  • suppellettili e oggettistica casa;
  • stoviglie e casalinghi.

Per gli ingombranti che non è possibile portare al centro si è pensato ad un servizio che permette di mettere in contatto chi non vuole più utilizzare un ingombrante e chi è interessato al suo riutilizzo. Mandando una foto dell’oggetto via mail ad aviglianariusa@gmail.com si ottiene la pubblicazione sulla pagina Facebook  e sul sito www.aviglianariusa.it della foto permettendo di essere contattati da chi è interessato al suo riutilizzo.

Fino a oggi 194 cittadini/enti si sono iscritti al centro per portare e/o prendere oggetti e si sono registrati 481 passaggi nel primo anno di attività. I cittadini provengono da 32 comuni, principalmente da Avigliana. Se si è interessati a collaborare con gli Ecovolontari per questa attività basta mandare una mail ad aviglianariusa@gmail.com o venire al centro durante le ore di aperture. Se si avranno sufficienti nuove adesioni si potrà estendere il servizio portandolo da 2 a 4 aperture mensili.

 

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime da Ambiente

Festa dell’albero

La Festa dell’albero è una tradizione ultraventennale ad Avigliana: un evento organizzato
Vai Su