I have a dream

in Politica

Oggi 4 aprile ricorre il 50esimo anniversario dalla morte, in seguito a un attentato, di Martin Luther King Jr. (Atlanta, 15 gennaio 1929 – Memphis, 4 aprile 1968). Fu pastore protestante, attivista politico statunitense, leader dei diritti civili e Premio Nobel per la Pace

Agli inizi degli Anni 2000 l’Amministrazione comunale di Avigliana guidata dal sindaco Remo Castagneri ha ritenuto di intitolare a Martin Luther King una via cittadina (nella zona industriale Sud ai confini con Ferriera di Buttigliera Alta, la strada che conduce all’Azimut, alla barriera reattiva permeabile e al centro per la frantumazione e recupero di materiale inerte).

A 50 anni dalla morte, avvenuta in un attentato a Memphis il 4 aprile 1968, anche l’Amministrazione comunale in carica vuole ricordare questo grande leader che ha predicato l’ottimismo creativo dell’amore e della resistenza non violenta con dieci sue frasi ricavate dai suoi scritti e dai suoi discorsi che, qualora fossero applicate, consentirebbero sicuramente di vivere in un mondo migliore.

Le frasi

  1. Abbiamo imparato a volare come gli uccelli, a nuotare come i pesci, ma non abbiamo ancora imparato la semplice arte di vivere insieme come fratelli
  2. Le nostre vite cominciano a finire il giorno in cui stiamo zitti di fronte alle cose che contano
  3. Non ho paura della cattiveria dei malvagi ma del silenzio degli onesti
  4. In questa generazione ci pentiremo non soltanto per le parole e per le azioni delle persone cattive, ma per lo spaventoso silenzio delle persone buone
  5. Anche se avrò aiutato una sola persona a sperare non avrò vissuto invano
  6. Se un uomo non ha ancora scoperto qualcosa per cui morire non ha ancora iniziato a vivere
  7. La domanda più insistente e urgente della tua vita è: “Che cosa stai facendo per gli altri?”
  8. “Se un uomo viene chiamato a fare lo spazzino, dovrebbe spazzare le strade come Michelangelo dipingeva, o come Beethoven componeva, o Shakespeare scriveva poesie. Dovrebbe spazzare le strade così bene che tutti gli ospiti del cielo e della terra si fermerebbero a dire che qui ha vissuto un grande spazzino che faceva bene il suo lavoro
  9. La vigliaccheria chiede: è sicuro?
    L’opportunità chiede: è conveniente?
    La vanagloria chiede: è popolare?
    Ma la coscienza chiede: è giusto?
    Arriva il momento in cui si deve prendere una posizione che non è né sicura, né conveniente, né popolare ma la si deve prendere perché la propria coscienza ci dice che è giusta
  10. E anche se dovrete affrontare le difficoltà di oggi e di domani, io ho ancora un sogno. […] Io ho un sogno, che i miei quattro bambini vivranno un giorno in una nazione nella quale non saranno giudicati per il colore della loro pelle, ma per il loro carattere.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime da Politica

Vai Su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: