Saluzzo, 21 marzo 2018, giornata di Libera

I ragazzi del Ccrr a Saluzzo per la giornata di Libera

in Comune/Politica

Il 21 marzo gli studenti del Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze di Avigliana hanno partecipato alla giornata di Libera a Saluzzo in memoria delle vittime di mafia. Il tema quest’anno è stato lo sfruttamento del lavoro

Saluzzo, 21 marzo 2018, giornata di Libera: i ragazzi del Ccrr di Avigliana

Sono partiti da Avigliana di mattina presto, per andare a Saluzzo alla giornata in ricordo delle vittime di mafia del 21 marzo organizzata da Libera, gli studenti che fanno parte del Consiglio comunale dei Ragazzi e delle Ragazze. La rappresentanza dei consiglieri era di 16 su 20, dalla prima alla terza media, accompagnati dalla vicesindaca Paola Babbini, con la fascia tricolore della città di Avigliana. In viaggio con i giovani consiglieri aviglianesi anche i “colleghi” di Bruino. Una volta a Saluzzo, il gruppo si è unito agli altri studenti, oltre cinquemila, provenienti dalle scuole piemontesi, per partecipare a un lungo corteo. Quest’anno il tema della giornata di Libera, Associazione nomi e numeri contro le mafie, è stato lo sfruttamento del lavoro e infatti l’evento nazionale si è svolto a Foggia dove il fenomeno del caporalato nelle campagne è molto diffuso e dove i migranti sono pagati pochi euro al giorno.

Il corteo è partito dalla piazza del Foro Boario, in cui di solito si ritrovano i richiedenti asilo che a Saluzzo sono in cerca di lavoro nel periodo stagionale della raccolta della frutta. Alla fine della marcia sono stati letti i nomi delle 972 vittime di mafia tra i quali anche quello di Silvia Ruotolo, a cui recentemente è stato intitolato un piazzale ad Avigliana. Poi si è svolto il collegamento con Foggia e i ragazzi hanno potuto ascoltare in diretta il discorso di Don Luigi Ciotti, fondatore e presidente di Libera, proiettato su un grande schermo. Presenti anche numerosi scout e molti rifugiati ospiti dei progetti di accoglienza dei Comuni della zona, coinvolti nella lettura dei nomi delle vittime, durata oltre un’ora. I ragazzi di Avigliana sono rimasti colpiti dall’esperienza e nei prossimi giorni racconteranno ai compagni rimasti a scuola le ragioni e i contenuti di questa giornata. Ad accompagnare i giovani consiglieri comunali, Francesco Calabrò, responsabile del progetto Ccr e Claudia Schirò animatrice, entrambi della cooperativa Orso.

La lettura dei nomi delle vittime di mafia a Chiusa San Michele in occasione della giornata di Libera del 21 marzo 2018
La lettura dei nomi delle vittime di mafia a Chiusa San Michele in occasione della giornata di Libera del 21 marzo 2018

«Partecipare alla giornata della memoria e dell’impegno di Libera è stata davvero un’esperienza emozionante e le parole di Don Ciotti richiamano tutti noi all’impegno quotidiano necessario per il cambiamento e ci ricordano che “nessuno è necessario e nessuno è insostituibile, ma nessuno può agire al posto nostro”» ha dichiarato la vicesindaca Paola Babbini che, rientrata da Saluzzo ha presenziato alla lettura dei nomi delle vittime di mafia a Chiusa San Michele. Organizzata dal presidio di Libera e dal Comune di Chiusa San Michele con la partecipazione di alcune scolaresche, la manifestazione ha visto partecipare il sindaco di Chiusa Fabrizio Borgesa e rappresentanti delle amministrazioni di Avigliana (oltre alla vicesindaca il consigliere di maggioranza Arnaldo Reviglio), l’assessora Antonella Domenica Falchero di Sant’Ambrogio, il sindaco di Caprie Paolo Chirio, la sindaca di San Didero Loredana Bellone e il vicesindaco di Condove Jacopo Suppo.

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime da Comune

Festa dell’albero

La Festa dell’albero è una tradizione ultraventennale ad Avigliana: un evento organizzato
Vai Su
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: