/

Baia grande: si accede nuovamente alla spiaggia

L’Amministrazione comunale ordina la rimozione della grata, posta sull’area pubblica, che blocca l’accesso alla spiaggia della Baia sul Lago grande
Avigliana, 9 agosto 2019 – La Baia grande è nuovamente riaperta alla fruizione pubblica in attesa di ulteriori verifiche. In seguito all’azione intrapresa dalla società I tigli del Lago rotondo rispetto alla chiusura dell’area, informiamo che l’8 agosto 2019 il Comune di Avigliana ha provveduto a emanare un’ordinanza di sgombero della grata che la società ha fatto posizionare sul lato della pista lungo lago così da bloccarne il passaggio.
La grata, infatti, non è stata collocata sui terreni oggetto di contenzioso ma, piuttosto, è addossata al cancello installato nella parte terminale del terreno interamente di pacifica proprietà demaniale del Comune di Avigliana, sul quale è stata realizzata la pista pedonale circumlacuale. Secondo la mappa catastale appare infatti molto chiaramente che dal punto in cui è stata posizionata la grata, non si accederebbe al terreno su cui la società accampa diritti. Si accederebbe invece a un altro terreno di dimensioni ridotte di proprietà del Parco Naturale dei Laghi di Avigliana che costituisce la spiaggia della Baia grande, bene sottoposto a regime demaniale.
Pertanto, la società I tigli del Lago rotondo, posizionando la grata ha di fatto interrotto la viabilità pedonale e astrattamente la pubblica fruizione dei cittadini che intendono raggiungere la vicina spiaggia della Baia grande. Si tratta di un ulteriore elemento a conferma del fatto che la società, non solo ha agito arbitrariamente – peraltro per mezzo di personale di sorveglianza armato – ma di fatto ha impedito la fruizione pubblica di un tratto sul quale è sempre stata pacifica la proprietà pubblica.
Nel pomeriggio una delegazione dell’Amministrazione comunale, insieme ai vigili urbani ha effettuato un sopralluogo per verificare che l’ordinanza fosse stata ottemperata. Ad attenderla, oltre ad alcuni invitati, il legale rappresentante della società il quale ha evidenziato come la grata fosse stata rimossa ridefinendo così il confine della proprietà in posizione più arretrata per mezzo di apposito nastro. La società ha inoltre comunicato sul posto di aver accolto la richiesta pervenuta in data odierna del presidente dell’Ente Parco Alpi Cozie Stefano Daverio di garantire la fruizione pubblica dell’area dalla data odierna sino al 31 agosto. Questo senza assicurarsi che l’Amministrazione ne venisse prioritariamente a conoscenza.
A oggi la situazione di criticità riscontrata lo scorso week end risulta comunque rientrata.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: